Il turismo? Va bene!!

Nel nostro piccolo abbiamo in più occasioni richiamato l’attenzione sulle difficoltà che incontravano gli operatori del settore turistico nella nostra città.

Si è detto del centro storico che languiva, delle iniziative di promozione di buona e cattiva qualità che rischiavano di non avere futuro, più quelle di buona qualità che le altre, ma non abbiamo trovato ascoltatori attenti, anzi molta superficialità.

E’ bene dire che la proposta turistica della nostra comunità è nata recentemente in modo improvvisato e confuso spinta da alcune iniziative private molto attrattive, ma poi ha perso la bussola e ha iniziato a soffrire per l’eccesso di offerta e la mancanza di un minimo di programmazione.

Forse l’analisi è impietosa ma è evidente che di errori ne sono stati commessi tanti da parte degli amministratori ma anche dagli imprenditori. E’ opportuno aggiungere che non poco ha contribuito la interpretazione libera della legislazione corrente in tema di agriturismi che da norma di vantaggio per gli operatori agricoli è forse diventata una forzatura sul mercato da ricondurre rapidamente alle reali previsioni della legislazione nazionale e regionale. Il rischio per tutti coloro, che mal consigliati, si sono avventurati in questa esperienza è un brutto e prevedibile risveglio.

La sorpresa è che anche di fronte alla chiusura di diversi esercizi in pieno centro storico e non solo si continua a sostenere che tutto va bene, anzi andrà ancora meglio.

Il 18 maggio a colazione abbiamo potuto vedere un servizio Rai dove si insisteva su questa tesi con l’aggiunta, di cattivo gusto, che il Sindaco si faceva intervistare in Piazza Duomo e la sequenza inquadrava ben due dei ristoranti che di recente hanno chiuso.

Bene non è chiaro quali sono le azioni messe in campo dall’Amministrazione per favorire il turismo, ma anche quale azione di controllo eserciti l’Assessorato all’Agricoltura della Provincia su i palesi e diffusi abusi.

Tommaso Picone

1 giugno 2011

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *